DOTT. SERGIO ETTORE SALTERI

DOTTORE...MI FA MALE IL COLLO

CERVICALGIA... QUESTA (S)CONOSCIUTA

La 'CERVICALGIA' di per se non costituisce il sintomo di una unica problematica, bensi una cd SINDROME, dietro la quale si celano diverse problematiche spesso non conosciute. 

IL TRATTAMENTO SINTOMATICO prevede l'uso di trattamenti medici, fisioterapici, manipolazioni vertebrali, che però hanno un effetto transsitorio, pur talvolta sufficiente ma MOLTO SPESSO COSTRINGE IL PAZIENTE A 'SBATTERE' DA UN TERAPEUTA ALL'ALTRO (Sindrome del Flipper!!!) con il minimo risultato e il massimo della spesa.

IL CASO PIU' COMUNE ...MENO NOTO!

IL TRATTAMENTO (anche post traumatico) DELLE CAUSE prevede un INQUADRAMENTO POSTUROLOGICO COMPLESSIVO DEL PAZIENTE (il capo è attaccato.. al Paziente!) in relazione ad eventuali SQUILIBRI SUL PIANO SAGITTALE, FRONTALE, E  TORSIONI che alterano un equilibrio già precario di suo, essendo il capo vincolato da una leva assolutamente sconveniente (il capo tende a cadere in avanti) e che prevede soprattutto che OCCLUSIONE (SIA CONTATTO TRA I DENTI CHE PRESENZA DI TUTTI QUESTI CHE ALTEZZA DEGLIL STESSI) , DEGLUTIZIONE E VISIONE BINOCULARE (gli occhi  sollevano il capo verso l'orizzonte e fanno in modo  di allinearlo sul piano frontale) siano nella fisiologia.

I DISTURBI LEGATI ALL'OCCLUSIONE SI FANNO SENTIRE DURANTE L'ULTIMA PARTE DELLA NOTTE E AL RISVEGLIO (MAI TOGLIERE LA PROTESI DURANTE LA NOTTE!!!).

Qualsiasi fattore che silancia in avanti il capo provoca uno stres cervicale in quanto ogni cm che il capo viene sbilanciato in avanti aumenta di 5,4 kg di peso (kapandjie).